TECAR® Terapia

4_div_DRAG-IMG-TESTO-3_20150127_021632.jpgLa TECAR terapia, introdotta in Italia da alcuni anni, è l’ultimo frutto della ricerca in fisioterapia. Applicata nelle patologie osteoarticolari e muscoloscheletriche riduce il dolore e abbrevia i tempi di recupero riabilitativo. Tecnica del tutto innovativa, stimola energia dall’interno dei tessuti attivando naturali processi riparativi e antinfiammatori attraverso uno strumento di alta tecnologia.

Tale tecnica è il risultato della collaborazione di un’equipe di medici e ingegneri che, dopo anni di ricerca, sono riusciti a dare applicazione in campo biologico ad un principio ben noto in fisica e nell’elettronica cioè l’effetto condensatore.
L’idea di trasferire energia ai tessuti lesi a scopi terapeutici è comune a molte terapie fisioterapiche che si fondano sull’irradiazione di energia. Tuttavia, ciò che le differenzia dalla Tecarterapia è la modalità di trasferimento energetico: irradiazione di energia dall’esterno nelle prime, utilizzo di energia endogena nella seconda attraverso il richiamo nell’area di trattamento di cariche elettriche presenti sotto forma di ioni nei tessuti.

Questa metodica produce lo spostamento di cariche elettriche nei tessuti producendo calore interno che determina una vasodilatazione con un maggior afflusso di sangue nelle zone sottoposte ai trattamenti.

L’energia scaturita, innesca i naturali processi antinfiammatori e riparativi. Grazie alla vascolarizzazione vi è inoltre, un maggior contributo di ossigeno e di sostanze nutritive che portano alla guarigione del tessuto (nervoso, osseo, tendineo e muscolare).
Le caratteristiche innovative della Tecar, che hanno dato risultati clinici estremamente soddisfacenti in traumatologia, hanno spinto la ricerca in altri settori quali flebolinfologia, oncologia, oftalmologia e malattie bronchiali.

Gli effetti fisiologici

Aumento dell’estensibilità del tessuto collagene per riduzione della viscosità;
Riduzione del dolore per azione controirritante o per liberazione di endorfine;
Riduzione degli spsmi e contratture muscolari;
Più rapida e completa dissociazione dell’ossigeno dall’emoglobina con maggiore disponibilità che si accompagna a riduzione dell’energia di attivazione si Importanti reazioni chimiche metaboliche;
Vasodilatazione con aumento del flusso ematico locale che contribuisce al rifornimento di ossigeno e di sostanze nutritizie e all’asportazione di cataboliti;
Velocizzazione del riassorbimento di raccdolte emorragiche.

I vantaggi

L’eliminazione del dolore è un effetto percepito dal paziente sin dalla prima seduta: essa facilita e rende più efficace le successive manovre riabilitative, che vengono attuate su muscoli e tendini liberati dalla cosiddetta contrattura antalgica.
La Tecar è in grado di trattare in tempi brevi e con efficacia patologie dolorose infiammatorie osteoarticolari e muscolari quali lombalgie, sciatalgie, cervicalgie, artrosi, patologie che riguardano spalla, anca, caviglia, ginocchio, mani, lesioni muscolari.

Rispetto ad altre terapie, nella tecarterapia l’energia non viene irradiata dall’esterno. E’ possibile quindi interessare anche strati profondi non trattabili con trasferimenti esterni di energia per i danni alla cute. Inoltre è possibile trattare in modo omogeneo un distretto selezionato del corpo.

Essendo una terapia non invasiva, i tempi di recupero per pazienti sono molto ridotti. Fin dalla prima seduta si notano i primi effetti. Da sottolineare è anche il fatto che la Human Tecar è assolutamente una terapia indolore.

 

Controindicazioni

Non ci sono vere e proprie controindicazioni per la tecarterapia. Come per tutte le apparecchiature elettromedicali è sconsigliata per i pazienti portatori di pacemaker e per le donne in stato gestazionale.

L’assenza di effetti collaterali consente di applicare la tecarterapia immediatamente dopo il trauma subito,permettendo un celere recupero motorio. L’abbinamento con altre terapie fisioterapiche non crea problemi.

 

Annunci